ARTICOLO 1) – DENOMINAZIONE E SEDE     E’ costituita l’Associazione di volontariato con finalità solidaristiche denominata   “POLLICINO bambini e genitori di oggi e di domani “, con sede in Bologna, via Santo Stefano n. 16, presso lo Studio Frasnedi.    L’Associazione può istituire sedi secondarie e uffici con delibera del Consiglio Direttivo.    L’Associazione può chiedere il riconoscimento della personalità giuridica ai sensi del D.P.R. 10 febbraio 2000, n. 361.    L’Associazione è retta e disciplinata dalle norme del presente Statuto e, per quanto in esso non espressamente previsto, dalle disposizioni delle leggi vigenti.

ARTICOLO 2) – OGGETTO E SCOPO

    L’Associazione non ha scopo di lucro, ha carattere assistenziale, è apolitica e intende operare nel pieno rispetto delle disposizioni contenute nella Legge 11 agosto 1991, n. 266 (Legge quadro sul volontariato); in tal senso si avvale in modo determinante e prevalente delle prestazioni personali, volontarie e gratuite dei propri aderenti

     2.   Ha come finalità:

    promuovere ogni tipo di iniziativa atta a migliorare il benessere, la salute fisica e psichica, la prevenzione, l’assistenza e la cura dei pazienti in età pediatrica e dei loro genitori, con particolare riferimento alle patologie legate all’urgenza e alle espressioni psicopatologiche ad esordio precoce;
    promuovere e sostenere la funzione genitoriale

    promuovere iniziative per il miglioramento dei rapporti tra genitori, medico di famiglia, medico della Pediatria d’Urgenza e altre strutture sanitarie;
    promuovere l’informazione relativa alle patologie organiche ed emotive pediatriche;
    stimolare, promuovere e finanziare la ricerca scientifica nel campo della pediatria d’urgenza e della psicologia;
    promuovere rapporti di collaborazione con Istituzioni Pediatriche Nazionali ed Estere che si occupano dell’assistenza alle patologie acute di natura organica e psicologica;
    stimolare gli Enti all’istituzione di Strutture specifiche per l’attività di Pronto Soccorso pediatrico e per la realizzazione di reparti dedicati all’urgenza pediatrica e a strutture per la presa in carico delle patologie psicologiche precoci e dei disturbi della relazione genitore-bambino;
     promuovere la sensibilizzazione di Enti Pubblici e Privati nonché dei cittadini per la soluzione dei problemi riguardanti i pazienti pediatrici che afferiscono alle strutture dedicate all’Urgenza sia per problematiche di natura medica che psicologica;
    sostenere con l’attività di volontariato svolta dai propri associati, i reparti di Pronto Soccorso, di Pediatria d’urgenza e strutture di assistenza psicologica, anche attraverso altre iniziative per le medesime finalità deliberate dal Consiglio;
    sostenere la ricerca scientifica svolta da università, fondazioni, aziende ospedaliere o altri enti non aventi scopo di lucro;
    contribuire con ogni altro mezzo che l’associazione stessa riterrà opportuno al perseguimento delle proprie finalità istituzionali, anche attraverso l’acquisto di strumenti ed arredi o il finanziamento di opere strutturali.
    promuovere la preparazione e l’aggiornamento del personale medico e infermieristico del settore, anche attraverso l’istituzione di Borse di Studio e Contratti di Formazione da utilizzare anche presso strutture di comprovata esperienza;
    promuovere la formazione dei propri volontari;
    può assumere in proprio Personale per il funzionamento dell’ Associazione o Professionisti che potranno svolgere la loro attività anche assistenziale all’interno del Dipartimento in accordo con la Direzione Generale dell’ Azienda;

    coinvolgere nella propria missione anche altre associazioni di volontariato, interagendo e collaborando congiuntamente per alleviare il disagio del bambino e dei genitori all’interno dell’ospedale;

3.   Nel rispetto di quanto stabilito dalla Legge quadro sul volontariato e delle altre disposizioni di settore, l’Associazione può porre in essere ogni forma di attività atta al raggiungimento dei propri scopi, anche collaborando con imprese, pubbliche o private, associazioni, enti ed istituzioni.

4.  L’attività commerciale non rientra, in ogni caso, tra le finalità istituzionali dell’Associazione, ma può essere eventualmente svolta – nel rispetto delle disposizioni dettate dal D.M. 25 maggio 1995 – in via sussidiaria o meramente strumentale per il conseguimento di dette finalità.

ARTICOLO 3) – DURATA

    L’Associazione ha durata illimitata e può essere sciolta con delibera dell’Assemblea straordinaria dei soci.

ARTICOLO 4) – PATRIMONIO ED ENTRATE DELL’ASSOCIAZIONE

    Il patrimonio dell’Associazione è costituito: dal Fondo di dotazione costituito dai conferimenti in denaro versati dai soci all’atto di costituzione dell’Associazione; dai beni mobili e immobili di proprietà dell’Associazione o acquistati e/o acquisiti da lasciti e donazioni; da contributi, erogazioni, lasciti e donazioni di enti e soggetti pubblici e privati; da eventuali fondi di riserva costituiti con le eccedenze di bilancio.
    Le entrate dell’Associazione sono costituite: dai contributi degli aderenti e dei privati, incluse le quote associative; dai contributi dello Stato e di enti ed istituzioni pubbliche, per sostenere specifiche e documentate attività o progetti; dai contributi da parte di organismi internazionali; da donazioni e lasciti testamentari; dai rimborsi derivanti da convenzioni; da entrate derivanti da attività commerciali e produttive marginali, dagli avanzi netti di gestione, nonché da raccolte pubbliche effettuate ai sensi dell’art. 143, comma 3, lett. a) del T.U.I.R.
    Annualmente il Consiglio Direttivo stabilisce la quota annuale da versarsi all’atto dell’iscrizione all’Associazione.
    E’ facoltà dei soci effettuare versamenti ulteriori rispetto alla quota annuale di iscrizione. I versamenti non sono rivalutabili, né ripetibili, né trasmissibili; pertanto, non si farà luogo a richieste di rimborso, neppure in caso di scioglimento dell’Associazione, di morte, estinzione, recesso o esclusione dall’Associazione stessa.

ARTICOLO 5) – SOCI

    Per tutti i soci vige parità di trattamento ed è garantita l’effettiva partecipazione alla vita associativa.
    Sono soci dell’Associazione coloro che, previa iscrizione e versamento della quota annuale, aderiscono e partecipano alla vita dell’Associazione nel corso della sua esistenza. Il Consiglio Direttivo può, inoltre, proporre all’Assemblea annuale dei soci la nomina di soci onorari, da individuarsi tra coloro che si siano particolarmente distinti negli ambiti in cui opera l’Associazione. I soci onorari hanno i medesimi diritti degli altri soci, ma non corrispondono alcuna quota.
    E’ espressamente esclusa la temporaneità della partecipazione alla vita associativa, alla quale viene comunque ammesso solo il socio in regola con il versamento della quota annuale, fermo restando il diritto di recesso, che esplica efficacia decorsi trenta giorni dalla data in cui viene notificato al Consiglio Direttivo. Decadono dalla qualifica di soci coloro che non provvedono ad effettuare il versamento entro sessanta  giorni dalla scadenza del versamento richiesto.
    L’adesione comporta per il socio maggiore d’età, il diritto di acquisire l’elettorato attivo e passivo e in particolare il diritto di voto per l’approvazione e le modificazioni dello Statuto e dei regolamenti e per la nomina degli organi direttivi dell’Associazione.
    Ciascun socio aderisce all’Associazione attraverso espressa domanda al Consiglio Direttivo, nella quale dichiara di condividere le finalità che l’Associazione si propone di perseguire e della quale si impegna ad osservare lo Statuto ed i regolamenti.
    Il Consiglio Direttivo può deliberare a maggioranza assoluta dei componenti l’esclusione del socio nel caso questi commetta azioni disonorevoli o lesive dell’immagine dell’Associazione ovvero quando il suo comportamento sia difforme dai fini di cui all’articolo 2) o costituisca ostacolo al regolare andamento del Sodalizio. L’esclusione ha effetto dal trentesimo giorno successivo alla notifica del provvedimento di esclusione, che deve contenere le motivazioni per le quali l’esclusione è stata deliberata.
    L’eventuale rigetto della domanda di ammissione ed il provvedimento di esclusione devono essere adeguatamente motivati.
    Al socio escluso è concessa la possibilità di ricorrere all’Assemblea dei soci, che deve essere convocata dal Consiglio Direttivo entro sessanta giorni dalla richiesta formalmente inoltrata al Consiglio da parte del socio escluso. L’Assemblea si costituisce nel rispetto dei quorum di cui all’art. 7 comma 8 del presente Statuto e delibera con il voto favorevole della maggioranza dei presenti.

ART. 6 – Amici della Associazione

Sono amici dell’Associazione coloro che effettuano versamenti contributivi, secondo

 le modalità stabilite dal Consiglio, e che non intendano diventare soci.

Il Consiglio potrà riconoscere la qualifica di Amico a persone (fisiche e giuridiche) che

 si siano distinte per meriti nei confronti dell’associazione.

Gli amici della Associazione non hanno diritto di voto.

ART. 7) – ORGANI DELL’ASSOCIAZIONE

    Sono organi dell’Associazione:

–      l’Assemblea dei soci;

–      il Consiglio Direttivo;

–      il Presidente;

–      il Revisore dei Conti o il Collegio dei Revisori dei Conti.

–      Il Consiglio dei Tecnici

    Tutte le cariche sono elettive e gratuite.

ARTICOLO 8) – ASSEMBLEA DEI SOCI

    L’Assemblea dei soci è l’organo sovrano dell’Associazione, è presieduta dal Presidente o, in caso di assenza o impedimento, dal Vice Presidente; in tutti gli altri casi da un consigliere designato dall’Assemblea o, in mancanza, da qualsiasi socio parimenti designato.
    L’Assemblea deve essere convocata almeno una volta all’anno, entro il termine di quattro mesi dalla chiusura dell’esercizio, per l’approvazione del bilancio consuntivo ed eventualmente di quello preventivo.
    Essa inoltre:

–      provvede alla nomina del Presidente, dei componenti del Consiglio Direttivo, del Revisore dei Conti o del Collegio dei Revisori dei Conti, del Consiglio dei Tecnici, nonché delle rispettive cariche;

–      delinea gli indirizzi generali dell’attività dell’Associazione;

–      delibera sulle modifiche al presente Statuto ed agli eventuali regolamenti che disciplinano lo svolgimento dell’attività dell’Associazione;

–      delibera sulla destinazione di eventuali utili o avanzi di gestione comunque denominati nonché di qualsiasi fondo costituitosi durante la vita dell’Associazione, nell’ambito della legge e delle disposizioni contenute nel presente Statuto;

–      delibera lo scioglimento e la liquidazione dell’Associazione e la devoluzione del suo patrimonio in conformità alle disposizioni previste dal presente Statuto e dalla legge;

–      delibera sugli eventuali ricorsi dei soci esclusi.

    L’Assemblea è convocata dal Presidente ogni qualvolta questi lo ritenga opportuno, quando se ne ravvisi la necessità, oppure ne sia fatta richiesta da almeno un terzo dei consiglieri o un quinto dei soci ed è convocata, di norma, presso la sede dell’Associazione.
    La convocazione è effettuata mediante lettera semplice o e-mail o fax, da inviarsi ai soci in regola con il pagamento della quota associativa e iscritti al libro soci, almeno otto giorni prima del giorno fissato per l’adunanza, contenente l’indicazione del luogo, del giorno e dell’ora della riunione sia di prima che di seconda convocazione e l’elenco delle materie da trattare.
    Delle deliberazioni viene redatto apposito verbale a disposizione dei soci.
    L’Assemblea è validamente costituita e atta a deliberare qualora in prima convocazione siano presenti almeno la metà dei soci. In seconda convocazione, l’Assemblea è validamente costituita qualunque sia il numero dei presenti.
    Ogni socio ha diritto a un voto, esercitabile anche a mezzo delega. La delega può essere conferita solamente ad altro socio. Ciascun delegato può essere portatore di una sola delega.
    Le deliberazioni sono assunte con il voto favorevole della maggioranza dei presenti, ad eccezione delle deliberazioni di scioglimento dell’Associazione e di devoluzione del suo patrimonio, per le quali occorre il voto favorevole di almeno tre quarti dei soci, tanto in prima che in seconda convocazione.

ARTICOLO 9) – CONSIGLIO DIRETTIVO

    L’Associazione è amministrata da un Consiglio Direttivo, formato da soci dell’Associazione, composto dal Presidente, che lo presiede e da un minimo di quattro ad un massimo di sei membri, fra i quali il Presidente nomina un Vice Presidente,  che durano in carica tre anni e sono rieleggibili.
    Venendo meno la maggioranza dei membri del Consiglio, lo stesso si intenderà decaduto e occorrerà far luogo alla sua rielezione.
    In caso di cessazione di un membro esso è sostituito dal primo escluso tra i designati nell’ultima elezione. Ove non vi siano designati, il Consiglio rimane in carica fino alla successiva Assemblea che dovrà nominare il nuovo consigliere, salvo che il numero dei consiglieri, a seguito della cessazione, non si sia ridotto al di sotto del minimo, nel qual caso deve essere convocata, entro sessanta giorni, l’Assemblea per la nomina del nuovo consigliere. In tutti i casi, il nuovo consigliere resta in carica per il residuo periodo durante il quale sarebbe rimasto in carica il consigliere cessato.
    Dalla nomina a consigliere non consegue alcun compenso salvo il rimborso delle spese documentate, sostenute in nome e per conto dell’Associazione.
    Al Consiglio Direttivo sono attribuite le seguenti funzioni:

–      gestione dell’Associazione, in relazione agli indirizzi ricevuti dall’Assemblea e delle finalità previste nello Statuto, sia per l’ordinaria che per la straordinaria amministrazione;

–      redazione del bilancio consuntivo e dell’eventuale bilancio preventivo da presentare all’Assemblea per l’approvazione;

–      ammissione all’Associazione di nuovi soci ed adozione dei provvedimenti di esclusione;

–      fissazione delle date di convocazione dell’Assemblea dei soci;

–      redazione dei regolamenti interni da sottoporre all’approvazione dell’Assemblea dei soci.

    Il Consiglio Direttivo ha facoltà di attribuire a uno o più dei suoi membri oppure, a mezzo del Presidente, anche a estranei, il potere di compiere determinati atti in nome e per conto dell’Associazione.
    Il Consiglio Direttivo è convocato dal Presidente ogni qualvolta questi lo ritenga opportuno oppure ne sia fatta richiesta da almeno un terzo dei consiglieri. La convocazione è fatta mediante lettera semplice o fax o e-mail, contenente l’indicazione del luogo, del giorno e dell’ora della riunione e l’elenco delle materie da trattare, spedita a tutti i consiglieri almeno otto giorni prima dell’adunanza; anche in assenza delle suddette formalità il Consiglio è validamente costituito ed atto a deliberare qualora siano presenti tutti i sui membri.
    Il Consiglio Direttivo è presieduto dal Presidente o, in caso di sua assenza o impedimento, dal Vice Presidente; in mancanza, su designazione dei presenti, da un altro membro del Consiglio Direttivo.
    Il Consiglio è validamente costituito qualora siano presenti almeno la metà dei suoi membri.
    I membri del Consiglio Direttivo decadono automaticamente dalla carica dopo due assenze consecutive non giustificate.
    Le deliberazioni del Consiglio Direttivo sono assunte con il voto favorevole della maggioranza dei presenti, ad eccezione delle deliberazioni di straordinaria amministrazione, per le quali occorre il voto favorevole della maggioranza del consiglio in carica.
     Il consiglio direttivo può nominare un Segretario, che è scelto dal Consiglio Direttivo stesso e può anche non essere Socio dell’Associazione

ARTICOLO 10) – PRESIDENTE

    Il Presidente dell’Associazione, cui spetta la legale rappresentanza dell’Associazione stessa di fronte ai terzi ed in giudizio, è eletto dall’Assemblea dei Soci, resta in carica tre anni e può essere rieletto.
    Il Presidente nomina un Vice Presidente scegliendolo fra i membri eletti del Consiglio Direttivo.
    Al Presidente spetta l’ordinaria amministrazione dell’Associazione sulla base delle direttive emanate dall’Assemblea e dal Consiglio Direttivo, ai quali riferisce circa l’attività compiuta durante l’Assemblea dei soci e le adunanze del Consiglio Direttivo stesso. Il Presidente può compiere atti di straordinaria amministrazione solo nei casi eccezionali di necessità ed urgenza; in tal caso deve contestualmente convocare il Consiglio Direttivo per la ratifica del suo operato.
    Spetta al Presidente convocare e presiedere l’Assemblea ed il Consiglio Direttivo, curandone l’esecuzione delle deliberazioni; egli verifica l’osservanza dello Statuto e dei regolamenti e vigila sul buon andamento amministrativo dell’Associazione.
    Il Presidente cura la predisposizione del bilancio consuntivo e di quello eventuale preventivo, da sottoporre all’approvazione del Consiglio Direttivo e dell’Assemblea dei soci.

ARTICOLO 11) – Revisore dei Conti o Collegio dei Revisori dei Conti

    L’Associazione può dotarsi di un Revisore dei Conti, scelto tra gli iscritti nel registro dei revisori contabili, o di un Collegio dei Revisori dei Conti, affinché vengano espletate le funzioni di controllo indicate nel presente articolo. Qualora venga istituito il Collegio dei Revisori dei Conti, esso è composto da tre membri effettivi nominati dall’Assemblea ed il Presidente del Collegio deve essere scelto tra gli iscritti nel registro dei revisori contabili.
    Il Revisore dei Conti ovvero il Collegio dei Revisori dei Conti dura in carica tre anni ed è rieleggibile; l’Assemblea può revocare i Revisori solo in presenza di giusta causa.
    Il Revisore dei Conti ovvero il Collegio dei Revisori dei Conti, effettua le opportune verifiche ogni novanta giorni e le riassume in un verbale sottoscritto. Esso provvede, inoltre:

–      al riscontro della gestione finanziaria;

–      al controllo sulla regolare tenuta delle scritture contabili;

–      ad esprimere il proprio parere mediante apposite relazioni sui bilanci consuntivi.

    Il Revisore dei Conti e ciascun membro del Collegio dei Revisori dei Conti, possono assistere alle riunioni del Consiglio Direttivo senza diritto di voto.

ARTICOLO 12) – VICE PRESIDENTE

    Il Vice Presidente sostituisce il Presidente nel caso questi sia impedito nell’esercizio delle proprie funzioni, è scelto dal Presidente fra i membri del Consiglio Direttivo.

ARTICOLO 13) – SEGRETARIO DEL CONSIGLIO DIRETTIVO

    Il Segretario, se nominato, provvede alla verbalizzazione delle adunanze dell’Assemblea dei soci e del Consiglio Direttivo, coadiuvando il Consiglio Direttivo al fine di assicurare il buon andamento amministrativo dell’Associazione, cura la corretta tenuta del Libro Verbali delle assemblee e del Consiglio Direttivo, nonché del Libro dei soci. Su delega del Consiglio Direttivo, potrà svolgere operazioni bancarie per conto dell’associazione entro limiti di importo definiti nella delega stessa.

ARTICOLO 14) – CONSIGLIO DEI TECNICI

1.    Il Consiglio dei Tecnici è formato da un minimo di tre a un massimo di cinque membri eletti dall’ Assemblea e scelti fra i Soci. Sono Professionisti che operano nell’ambito della Pediatria e della Psicologia. Hanno una funzione propositiva in materia sanitaria. Possono essere chiamati dal Presidente a partecipare alle riunioni del Consiglio Direttivo con funzioni consultive e non hanno diritto di voto.

ARTICOLO 15) – LIBRI DELL’ASSOCIAZIONE

    L’Associazione tiene i libri delle adunanze e delle deliberazioni dell’Assemblea dei soci, del Consiglio Direttivo, nonché il Libro dei soci dell’Associazione, oltre alla tenuta dei libri prescritti dalla legge.
    I libri dell’Associazione sono consultabili da qualunque socio ne faccia motivata richiesta; le copie richieste sono fatte dall’Associazione a spese del richiedente.

ARTICOLO 16) – BILANCIO

    L’esercizio sociale si chiude il 31 dicembre di ogni anno.
    Entro tre mesi dalla chiusura dell’esercizio il Consiglio Direttivo è convocato per la predisposizione del bilancio consuntivo dell’esercizio precedente; il Consiglio Direttivo è convocato entro il mese di novembre per l’eventuale predisposizione del bilancio preventivo. Il bilancio consuntivo e quello preventivo ove predisposto, devono essere sottoposti all’approvazione dell’Assemblea.
    I bilanci debbono restare depositati presso la sede dell’Associazione nei quindici giorni che precedono l’Assemblea convocata per la loro approvazione affinché possano essere visionati da chiunque ne abbia motivato interesse. Per la richiesta di copie si applica l’articolo 13).

ARTICOLO 17) – SCIOGLIMENTO

    In caso di scioglimento per qualunque causa, soddisfatte le eventuali passività dell’Associazione, il residuo patrimonio sarà devoluto altra organizzazione di volontariato con finalità analoghe o a fini di pubblica utilità, sentito l’Organismo di controllo di cui all’articolo 3, comma 190, Legge 23 dicembre 1996, n. 662, salvo diversa destinazione imposta dalla legge e, in ogni caso, nel rispetto di quanto previsto dall’art. 5, comma 4 della L. 266/91 (Legge quadro sul volontariato).

ARTICOLO 18) – NORME FINALI E LEGGE APPLICABILE

    All’Associazione è fatto divieto di distribuire anche in modo indiretto utili o avanzi di gestione, nonché fondi, riserve o capitale durante la vita dell’Associazione, salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge.
    Per quanto non espressamente previsto nel presente Statuto si fa riferimento alle norme in materia di Enti contenute nel Libro I del Codice civile, alle disposizioni di cui alla L. 266/91 (Legge quadro sul volontariato) e alle altre leggi in materia.

Associazione Pollicino Bambini e genitori di oggi e di domani

L’Associazione Pollicino nasce per aiutare la Struttura "Gozzadini" di Bologna,  a soddisfare sempre meglio le esigenze dei bambini con malattie affrontate nella loro fase acuta, pensando anche a chi li assiste.

Contact Us

  • Bologna via delle Rose, 48
  • Tel: 344 2971728

About Us

Perché una nuova Associazione? L’idea nasce dalla esigenza di sostenere non tanto malattie specifiche, come accade per quasi tutte le Associazioni, ... leggi tutto

Come aiutarci

DEVOLVENDO IL TUO 5 X 1000

AGGIUNGI UN SASSOLINO SUL PERCORSO DI POLLICINO apponendo la firma nel primo degli appositi riquadri, ... leggi tutto

Associazione Pollicino

Associazione iscritta al Registro Provinciale delle Organizzazioni del Volontariato di Bologna al n. 2746 / 2014